GRUPPI  PRIMARI 

.

Per quanto riguarda l'assunto del nostro lavoro  interessano quasi esclusivamente i gruppi primari. Infatti essi svolgono un azione di primo piano nella formazione del fanciullo mentre i gruppi secondari gli sono essenzialmente estranei: difficilmente il fanciullo comprende di fare parte di un gruppo di cui non conosce i membri.

Caratteristica fondamentale del gruppo primario è quella di avere una propria cultura , una scala di valori, un insieme di punti di vista con cui giudicare il mondo. Cosi una comunità di religiosi giudicherà  in un modo del tutto le medesime  cose di una banda di delinquenti . Possiamo dire che il condividere la cultura  sia "conditio sine qua non" dell'appartenenza al gruppo.       

 Il gruppo primario ha funzioni di primo piano nella educazione: forma e sostiene il singolo che senza di esso si sentirebbe sbandato. Ma il gruppo non impedisce al singolo di esprimere la propria personalità e anzi ciascuno puo esprimere nel gruppo pienamente la propria personalità. Nel gruppo ci si conosce meglio. La influenza del gruppo primario è molto forte : si è notato come in guerra  il soldato è spinto a comportarsi più dalla solidarietà con il suo piccolo gruppo che non dagli ideali politici e patriottici.

In particolari i gruppi di fanciulli  svolgono la funzione di affrancare dalla famiglia. Il fanciullo singolo, infatti, ben difficilmente riesce a avere un comportamento autonomo rispetto alla famiglia, Il gruppo invece gli dà modo di formarsi una propria personalità, svolgendo così una  funzione importantissima nel quadro dello sviluppo totale  anche se a volta  degenera e si puo giungere perfino alla formazione di gruppi delinquenziali minorili.

Ci occuperemo nei paragrafi che seguono di quel particolare gruppo primario che è il gruppo scolastico, il gruppo cioe formato dagli  alunni di una stessa classe che dura di regola ben cinque  anni ed ha quindi una stabilità ben più grande di qualunque altri gruppo infantile e quindi assume una importanza enorme nella socializzazione del bambino e quindi dell'uomo, importanza che ci sembra non sempre venga adeguatamente compresa non solo dalla gente comune ma nemmeno dagli studiosi.