Pubblicato   da    www.americacallsitaly.org marzo 2013 .          HOME          

 

Beppe Grillo: We're the Plan B

 

 

   

Comic Ascends Political Stage

 

 

From "The Washington Post, February 11, 2013 

 

 

Beppe Grillo, founder of the anti-establishment Five-Star Movement, spoke to WSJ's Giada Zampano in Verona, as he hits Italian piazzas in his "tsunami" tour. Photo: Getty Images

VERONA, Italy—Beppe Grillo, a longtime Italian comedian, founded his political party as an anti-establishment movement four years ago. Today, his Five-Star Movement could well become one of the most powerful forces in Italian politics.

"This world—the Western world—has failed. We must have a plan B. We're the plan B," said the 64-year-old Mr. Grillo in an interview on Sunday in this northern Italian city, one of the stops of his countrywide campaign tour ahead of national elections on Feb. 24 and 25. "We've developed like a virus."

With less than two weeks before Italians head to the polls, Mr. Grillo's party is polling as high as 18% of the national vote, placing it third after the center-left Democratic Party and the conservative People of Freedom Party led by former Prime Minister Silvio Berlusconi. It is polling ahead of departing Prime Minister Mario Monti's Civic Choice party.

Those numbers, if they hold, would be enough to secure at least 80 seats in Parliament—a presence that would make the Five-Star Movement's freshman lawmakers the legislature's deciding votes.

The comedian turned politician has been gaining popularity and is performing strongly in the polls. WSJ's Alessandra Galloni explains why he may be a force in Italian politics after the election results are announced.

Mr. Grillo's rise, supporters and critics say, is a measure of the disaffection among Italian voters who can no longer stomach the country's traditional political parties and long-serving politicians. Many voters blame these national elites for having mismanaged the economy for decades, driving the country's debt level so high—it is currently 126% of economic output— that Italy got sucked into Europe's sovereign-debt crisis last year.

Mr. Grillo, who got his start as a comedian in Milan's cabaret halls and improvisation clubs in the 1980s, doesn't profess any right- or left-wing political allegiances. His agenda includes promises to hold a public referendum on whether Italy should stay in the euro and to ban politicians with criminal records from Parliament.

Mr. Grillo won't be on the ballot himself. He was convicted of vehicular manslaughter in the 1980s, and he is respecting his party's ban on nominating people with criminal records. Instead, he plans to keep a close eye on the party from outside the halls of power. "My role is that of the watchdog," he said.

His agenda, and the colorful language he uses to expand upon it in his packed town halls and outdoor rallies, has made him one of Italy's most polarizing public figures. Supporters consider Mr. Grillo a jovial muckraker, discomforting the privileged and lampooning the powerful.

 

To his critics, he is a modern-day Girolamo Savonarola, a fiery 15th-century preacher whose jeremiads inspired the Bonfire of the Vanities, in which supporters burned art objects they considered sinful.

"Grillo was taking votes from the left, now he's growing on the right. He's like a bus. Anyone who has a gripe about government gets on," said Ilvo Diamanti, a professor of politics at the University of Urbino.

Mr. Berlusconi recently labeled the party the "extremely extreme left," while conceding that "Grillo's group is a legitimate protest party, because politicians have given themselves the worst image."

Mr. Grillo recently seized on a scandal enveloping the Tuscan bank Monte dei Paschi di Siena SpA, BMPS.MI -2.01% which has incurred hundreds of millions of euros in losses on structured-finance products since the late 2000s. He purchased a handful of the bank's shares so he could attend the bank's latest shareholders' meeting and berate management.

 

Mr. Grillo was propelled into the national media in the 1980s after being discovered by a television host.

"As a shareholder, as a citizen, as a person, I'd like to clarify why the money is missing. Who took it? Let's put them in the dock and try them in a court of public opinion," Mr. Grillo said.

That scold earned his party a bump in the polls, while draining support for the Democratic Party, which has long had ties to the bank.

Mr. Grillo was propelled into the national media in the 1980s after being discovered by a television host. His penchant for irreverence, however, quickly got him into trouble with the political parties that controlled Italy's state-owned television at the time.

One joke he told about Italy's ruling Socialist Party in 1986, Mr. Grillo recalled in the interview, brought down the curtain on his TV career. He said the experience made him skeptical of Italian television, drawing him toward new outlets, such as the Internet and the piazza.

Mr. Grillo teamed with a media consultant in 2005 and launched a blog. It quickly grew to become one of Italy's most heavily trafficked websites, drawing visitors in with exposés of corporate malfeasance and government corruption. The blog also made it easy for him to spread the word about meetings and rallies his supporters began holding at cities across the country.

Among his earliest supporters was Roberta Lombardi, a furniture vendor who is running for a seat in the Chamber of Deputies, which is the lower house of Parliament. Ms. Lombardi was one of the winners of primaries the party held entirely via the Internet last year—an experiment in "direct democracy" she hopes will carry over to Parliament.

If elected, she and other members of her caucus plan to consult regularly with tens of thousands of movement members on the Internet.

"We're going to work in full transparency. We won't forget where we came from," Ms. Lombardi said.

So far, Mr. Grillo has defined his political agenda in broad strokes. He wants to break up Italy's state-controlled companies like oil giant Eni SpA ENI.MI -0.55% and Telecom Italia SpA, TIT.MI -3.00% which he defines as "monopolies." Mr. Grillo also aims to slash public spending, cut taxes on worker wages and raise them on companies that "waste fuel and energy."

People looking for jobs, he said, should be eligible to receive a €1,000 ($1,336) monthly "subsidy" for as long as three years. Anyone who refuses three or more job offers, he said, would lose the subsidy. The next government should also "revive protectionism," Mr. Grillo said, in order to shield Italian companies that hire locally from foreign competitors.

On Saturday, thousands of people gathered around an ancient arena in Verona to hear Mr. Grillo rail at the political establishment. "Our message is clear: This form of parasite politics must end. It's time to send them home," he said to heavy cheers.

 

 

 

 

 

GRILLO: UN MILLENARSISMO DEL XXI SECOLO

 

 

 Giovanni De Sio Cesari   

Completato il 25/3/2013)

 

 

 Indice Introduzione millenarismo assemblearismo i grillini-  considerazioni conclusive

 

INTRODUZIONE

 Gli osservatori e i sondaggi prevedevano una affermazione del partito M5S di  Grillo:  quello, però, che ha sorpreso tutti e mandato in  crisi la fiducia nei sondaggi è stata la misura di quel successo: era dato fra il 15 e il 20 % al massimo, ma ha raggiunto il 25 %  Il successo imprevisto  viene chiaramente spiegato  dalla crisi dei partiti scossi dagli scandali a ripetizione che hanno  punteggiato, specie nell’’ultimo anno, la cronaca quasi di tutti i giorni

Ma il rapporto causale scandali  - affermazione M5S   non va visto in modo meccanico  e necessitante : va approfondito e chiarito

Il movimento di Grillo  in realtà non è  qualcosa di nuovo  , ne isolato in Europa : tutto l’Occidente è percorso da movimenti simili che sono più intensi dove la crisi è piu forte, ovviamente. Simili  fenomeni storici  si manifestano nei momenti di crisi: allora la gente incolpa  ( a ragione o a torto, non importa) le classi dirigenti

Se un esercito vince una battaglia il suo capo   ne prende il merito ( anche se ha guidato malissimo)  ; quando un esercito perde, allora il capo ne prende la colpa (anche se ha guidato benissimo ) Analogamente una classe politica viene considerata responsabile di una  crisi ( o dello sviluppo) di una nazione) a prescindere dai suoi meriti o demeriti.  E’ una regola  generale sociologica  che verifichiamo sempre nella storia: non solo nelle democrazie ma in tutte le forme politiche, dittature, teocrazie, imperi.

 Ricordate la rivolta del pane di manzoniana memoria: la gente vuole linciare il vicario anche se non aveva nessuna colpa  della  carestia anzi aveva cercato di rimediare.

 Poi saranno gli storici a dire di chi fosse effettivamente la responsabilità, come si era comportato il generale o la classe politica, o i vicari .

  E questo il senso della generale sfiducia che ha fatto parlare Renzi di rottamazione: la classe politica  che ha portato al disastro  deve andare via, non perchè necessariamente  vecchia o incapace o corrotta e nemmeno responsabile : deve andare via perchè la nazione ha perso la battaglia 

 

 Si tenga presente che il risultato ancora più eclatante è stato quello ottenuto da Berlusconi che è giunto ad avere gli stessi voti della sinistra: se per M5S era previsto il successo e solo la misura di esso è stata una sorpresa, invece per Berlusconi era largamente previsto un completo insuccesso anche da parte di suoi fedelissimi  (Ferrara ad esempio)

Ma non bisogna fare  confusione  fra motivazioni fattuali  e motivazione logiche. Se un “fatto” storico avviene ci sono altri fatti (cause) che lo hanno prodotto ( nulla avviene a caso) ma questo non significa affatto che le teorie che si affermano  (o sono  veicolate) abbiano  motivazioni logiche e/o basi reali.  Se, ad esempio,  il nazismo si affermò gli storici troveranno i fatti che lo hanno causato ma questo non significa affatto che la mistica della  razza ariana,  l’antisemitismo, il paganesimo primordiale del  nazismo avessero  logicamente una qualche base Se  Grillo  prende il 25 %  dei voti ci saranno delel cause   ( dei fatti) ma non significa necessariamente che quello che afferma abbia un qualche fondamento , non sia contraddittorio , non sia semplicemente infantile

E un grave errore  metodologico confondere la causalità storica con la validità delle teorie sottese: cosi si finisce  con giustificare qualsiasi cosa pure, pure la shoa .

Ci chiediamo  quindi in questo lavoro  quali siano le idee di Grillo  e del movimento quali basi reali e validità e prospettive esse abbiano

 

MILLENARISMO

Cosa propone  Grillo  e il M5S ? La  cosa piu semplice e efficace  è sentire quello che dicono e lo fanno con  con estrema chiarezza 

Grillo afferma  che i partiti sono  corrotti, tutti, senza sostanziali differenze e con essi il mondo della comunicazione, la classe dirigente , tutta, senza eccezione:  insomma “il sistema” .tutto

Grillo dice molto chiaramente che non vuole fondare un partito degli onesti  come  a suo tempo intendevano Bossi, Di Pietro e perfino Berlusconi : vuole cambiare invece  dalle fondamenta il sistema  democratico (in senso assembleare) non  vuole solo cacciare i disonesti: questo il punto centrale di tutto il suo pensiero 

Lo definirei millenarismo ,  usando un termine tratto dalla storiografia  medioevale    Il millenarismo  è cosa diversa dalla  utopia: nelle utopie l’autore disegna fin nei minimi particolari tutti gli ordinamenti che dovrebbe avere uno stato ideale che egli immagina ( Tommaso Moro, Platone ) Nei millenarismi invece si ritiene di aver trovato la chiave risolutiva  di ogni cosa: con essa si giungerà a un mondo  senza il male : pero non sappiamo esattamente come sarà, come si organizzerà  perche al di fuori della nostra immaginazione che è sempre legata al mondo corrotto  e pieno di male in cui viviamo

 In genere noi crediamo   che il mondo è come è perche gli uomini sono come sono, con tutto il loro male e il loro  bene : non nel senso che esistono i buoni e cattivi ma nel senso che il bene e il male si trovano in ogni uomo, in ciascuno di noi. Possiamo quindi  prendere provvedimenti per promuovere o combattere questo o quell’aspetto che consideriamo  negativo ma nella consapevolezza che comunque vi saranno degli effetti sgraditi imprevisti o imprevedibili: soprattutto che comunque il male non sarà estirpato 

I millenarismi si fondono invece  sull’idea che si possa estirpare il male in mezzo agli uomini  perchè il male non è costitutivo dell’uomo ma deriva da qualche accidente  della società: sia esso una falsa religione ( eresie medioevali),  un sistema economico (marxismo,)  una forma di governo (anarchia),  una educazione repressiva ( Montessori), perfino una cattiva sessualità  (sinistra freudiana)

Secondo Grillo  tutto il male in Italia (ma anche nel mondo, dice  Casaleggio ) deriva dalla separazione  fra governanti e governati ( cioè dai partiti): bisogna stabilire  la VERA  sovranità  popolare di tipo assembleare

Venire a un accordo con questi  partiti sarebbe entrare nel sistema quindi la fine del movimento Ci sono solo  due esiti possibili : prendere il 100% o fallire . Dice 100% e non 51 % non per esagerare: vuol dire che tutti alla fine riconosceranno  la evidente giustezza delle  idee che porta avanti e quindi il movimento sarà sciolto perche avrà raggiunto i suoi fini

Grillo è tutto  preso dall’ idea che cacciata questa classe dirigente corrotta e disonesta tutto andrà in qualche modo a posto.  E la illusione millenaristica che si ripete nella  storia: tutta colpa della chiesa, del papato, del capitalismo , della sessualità deviata, dei metodi scolastici. degli ebrei

 

 Nel filmato Gaia  prodotto da Casleggio si vedono previsioni  fantasmoriche che  culminano nel 2054 con un governo unico mondiale  retto a democrazia diretta e digitale dopo pero che una guerra atomica ha distrutto la maggior parte dell’umanità

C’è pero una logica in queste  affermazioni sconclusionate. Nell’ottica   millenaristica sono convinti che una democrazia assembleare ( alla Casaleggio)  libererà tutto il bene e toglierà tutto il male  dall’umanità  Gli elementi elencati sono solo esempi fantasiosi per affermarlo : non è una utopia nella quale invece si elencano scrupolosamente e minutamente tutto l’ordinamento  che si vuole instaurare

 Le critiche che possiamo rivolgere  sarebbero respinte con l’idea che noi ragioniamo con vecchie idee, che non riusciamo a vedere il nuovo , che le nostre menti sono gia inquinate

Nei quasi 3000 anni di esperienza storica i millenarismi  sono sempre falliti, tutti,  senza eccezione: il pericolo è che essi trascinano nel loro  fallimento  a volte  intere generazioni, intere nazioni, masse sterminate di uomini

 Grillo  non è una minaccia del genere , non c’è violenza , rimane pur sempre rispettoso della democrazia tanto da porsi come alternativi ai movimenti antidemocratici ( come Alba Dorata in Grecia): tuttavia  può trascinare la nostra economia nel baratro sull’orlo del quale essa sta allegramente  ballando da qualche anno

Mi pare che la inconsistenza della proposta grillina venga coperta dal  rifiuto del dialogo: ma sia politicamente che economicamente è del tutto evidente e rilevata da tutti i commentatori.  Ma se i grillini non rispondono ai giornalisti   non  potranno non rispondere  alla realtà: anche se si fugge dalla realtà,  la realtà ci insegue

 

 

ASSEMBLEARISMO

Sul piano politico  il problema centrale  che pone Grillo  è quello della   democrazia assembleare ( o diretta) da cui derivano tutti gli altri punti  Ed è questa possibilità che dobbiamo criticamente  esaminare

La democrazia assembleare  non  è praticabile ed  infatti non è mai stata praticata nella storia in nessun caso e in nessun luogo

L’unica democrazia praticabile (ed effettivamente praticata nella storia)  è quella rappresentativa (della delega)

I principi di assemblearismo grillino  possono andare bene quando si critica quello che è ovvio criticare: possono forse essere estesi a piccole realtà locali  ma quando si tratta  poi di gestire lo stato non funzionano, non  POSSONO  funzionare non per limiti dei protagonisti  o dei mezzi ma per limiti propri insuperabili

 La democrazia (occidentale ) è strutturata in una serie di corpi intermedi, i  partiti a loro volta strutturati democraticamente che raccolgono e gestiscono  il consenso: nell’assemblearismo, mancando queste strutture, non si capisce chi vuole cosa : e quindi una persona singola diviene il capo onnipotente

Forse  l’unica sistema  politico effettivamente realizzato di democrazia diretto fu quello instaurato da Gheddafi in Libia. Effettivamente ogni comunità si governava direttamente e si parlava, non del tutto a sproposito,  della  Jamaria ( governo delle masse). Gheddafi affermava di non avere nessun carica ( ed era vero)  ed il potere era solo del popolo direttamente . In realtà prorpio perche mancavano strutture intermedie il potrere di Gheddafi era assoluto  

 

 La democrazia  diretta comporta che ogni elettore  debba  pronunciarsi direttamente su ogni questione  ma il comune cittadino non ne ha nè la competenze  e nemmeno il tempo. La nostra società è una società estremamente complessa, non è realistico pensare che ogni cittadino abbia la competenza necessaria per giudicare di  riforma della magistratura o di programmi scolastici  , per decidere il tasso di interesse, per valutare complicate crisi internazionali.  Nemmeno si chiede ai  politici di esseri  dei giuristi, dei pedagogisti e degli islamisti;  tanto varrebbe allora chiamare a governare  queste categorie di esperti.  

Certamente internet offre  possibilità di comunicazioni e controllo prima impensabili: tuttavia il limite fondamentale della democrazia diretta non è quello della comunicazione ma nella impossibilità  che il comune cittadino possa giudicare di complesse situazioni per le quali  occorre la mediazione politica dei partiti o di altro potere politico

In realtà il compito dei politici è quello di operare una sintesi o, meglio, una mediazione fra la volontà popolare e le ragioni degli esperti. I secondi vedono la realtà dal loro punto di vista specifico   (e non sono poi ordinariamente in accordo fra di loro), mentre il popolo  ha delle aspirazioni generali ma non è in grado di tradurle in atti concreti  che le  realizzino effettivamente

il politico è colui  che ha la legittimità del potere:  esercita la sua funzione  avvalendosi di una serie di persone considerate esperte (che si tratti di un faraone o un presidente democratico, non cambia nulla)
Il buon politico è quello che riesce ad aggregare il consenso e si circonda di persone capaci: Il cattivo politico crede di poter fare tutto da solo e si circonda di yes men. Per fare un esempio lontano che non ci coinvolge: Traiano è ricordato come un grande imperatore perchè  governò con  l’aiuto della  classe senatoriale ( gli esperti del tempo) mentre Caligola fu pessimo perché, come si dice,  nominò, come senatore, un cavallo, in segno di disprezzo 


Se mancano le strutture  intermedie ( di partito) rimane solo il Capo Onnipotente

Si parte per affermare democrazia assembleare , la si nega subito dopo  per affrontare i nemici della democrazia assembleare.: è quello che fa Grillo quando dice che non ci possiamo dividere perche dobbiamo metterci l’elmetto per combattere  contro i partiti ( cioe il male)   

 

In fondo in democrazia delegata si procede come nella  vita comune: se sono malato o voglio costruire una  casa mi rivolgo a un professionista di fiducia: Posso scegliere in realtà fra quelli disponibili: quasi mai trovo quello che proprio  vorrei

Cosi è in politica . non si trova quasi mai quello che proprio vorresti ma scegli fra quelli che  ci sono, sul mercato

La civiltà nasce quando si istituisce un potere ( faraoni,  Tien zi (imperatore cinese)  incas)  Nel mondo moderno il potere è elettivo ( in realtà solo una piccola parte di esso) ; un sistema per cambiare i capi senza tagliare le teste. Tuttavia il potere è sempre necessario: la democrazia no:  è solo uno dei tanti modi per gestirlo :anche se   il migliore fino ad esso realizzato,  si ritiene

Per comprendere il problema puo essere illuminante la critica che Grillo  ha fatto al divieto di mandato imperativo  , critica che pure essendo del tutto occasionale tuttavia rileva un punto essenziale dell’assemblearismo  grillino  

In realtà Grillo  voleva solo  dire che ciascun eletto deve rispettare i programmi presentati nella campagna elettorale che è cosa indiscutibile: ma Grillo va oltre  perchè ritiene che  degli eletti siano solo dei  portavoce dei propri elettori. .Ma il mandatoimperativo   era proprio delle assemblee medioevali in cui le comunità inviavano  propri rappresentanti come se fossero degli ambasciatori, revocabili in ogni momento.  La democrazia moderna è nata quando è stato vietato il ”vincolo di mandato imperativo”  , come recita  la Costituzione , divieto   che infatti è  in vigore,  in modo implicito o esplicito, in tutti gli stati del mondo, nessuno escluso

 E un principio fondamentale  che vale per tutte  le cariche pubbliche elettive, dal presidente della Repubblica,ai sindaci, al presidente di una bocciofila

L’eletto rappresenta sempre tutti, mai  solo quelli che lo hanno eletto.

 A parte tutto poiche il voto è segreto  come si fa a sapere quello che vogliono gli anonimi  elettori: In effetti i grillini si riferiscono a  assemblee  informali  Ora consideriamo che solo 20.000 persone hanno scelto i rappresentanti  che hanno avuto, però, ben 8 milioni di voti :in proporzione lo 0,25% degli elettori. Sarebbero quindi questo 0,25% gli arbitri  della volontà del 99,75% degli elettori

 Il problema fondamentale è che non si possono estendere alle nazioni metodi che possono valere per piccoli gruppi informali 

 

 

I GRILLINI

 Grillo ha vietato assolutamente, pena l’espulsione telematica immediata, che  chiunque del M5S accetti un dialogo in TV  Si ritiene  che questo atteggiamento, che ha pochi precedenti nella storia, sia dovuto alla  consapevolezza di Grillo  dell’estrema fragilità delle  sue posizioni e della altrettanto estrema incompetenza dei suoi

Non si deve dare pero per scontato che gli eletti  M6S siano veramente dei grillini: sono gente che si trova li per un caso della vita, non sono degli adepti convinti.

Grillo  vuole che si rivoti al più presto sperando di prendere la maggioranza assoluta  la qual cosa   potrebbe anche accadere: bisogna però vedere se gli eletti  grillini saranno disposti realmente a mettere a rischio la incredibile fortuna  di essere diventati  parlamentari e tornare all’anonimato e per molti alla  disoccupazione  giovanile. 

Il problema si è visto alla elezione di Grasso a presidente della senato: almeno 12 eletti M5S hanno votato,  nel segreto dell’urna, in modo difforme da come il gruppo aveva deciso attirandosi le ire di Grillo   con  le minacce di espulsione che poi realisticamente sono state  ridimensionate e ritirate.   Tuttavia  Grillo  aveva ragione, chiedendo  di rendere palese il loro voto e attenersi ai patti liberamente sottoscritti  al momento delle  elezione. Infatti vi è un impegno preso in campagna  elettorale di non fare accordi con i partiti,  poi un  impegno più stringente a seguire le decisioni prese a maggioranza dai parlamentari , e infine  quello generale di  essere trasparenti. I “franchi  tiratori”  grillini li hanno violati tutte e  tre : solo Vacciano  ha il merito di essere uscito allo scoperto violandone solo due. Non mi pare  politicamente ( direi anche moralmente) corretto che un eletto faccia il contrario di quanto si era impegnato a fare I grillini hanno imparato subito il peggiore malcostume  parlamentare : i franchi tiratori.

Ma mi pare che l’episodio ( come  quello di Favia) dimostri la impossibilità del sistema Grillo : non funziona,  non puo funzionare  questo è il punto 

 

Pero si si deve riconoscere alcuni meriti ai  grillini . Ad esempio in Sicilia si è raggiunto l’abolizione delle province quel risultato realisticamente raggiungibile  che non è mai stato,però  raggiunto a livello nazionale  per l’opposizione degli eletti (degli apparati)  che fanno capo a tuti i partiti  . I grillini sono nuovi, non hanno agganci del genere, non sono condizionabili  da essi. 

Se i grillini non  condividono quello che abbiamo  definito il millenarismo di Casaleggio e Grillo   potrebbero dare un buon contributo, come forza nuova  non compromessa con l’irrazionalità dell’esistente:  dovrebbero agire in modo trasversale  rinunciando a ogni velleitarismo  e agendo con realismo   Molti movimento sono nati come millenarismo ma poi  hanno dato buoni contributi rinunciando ai  sogni e calandosi nella realtà effettuale  del mondo  cosi come è e  non come dovrebbe essere ma non è .

 Ma puo darsi pure che il movimento si frantumi, si sgonfi , si disperda. Sono momenti  della storia  il cui esito è imprevedibile: certo nessuno prevedeva che il re di Francia convocando gli Stati Generali dopo tre  anni sarebbe  stato ghigliottinato. 

 

 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE  

 Nei momenti di crisi scoppiano quasi inevitabilmente  rivoluzioni violente o pacifiche. Alcuni di questi movimenti hanno però una loro proposta  più o meno realizzabili : la Rivoluzione Americana e Francese, le rivoluzioni liberali dell’800, le tante rivoluzioni comuniste del 900, anche fascismo e nazismo furono  a loro modo rivoluzioni,  Altre volte invece NON  hanno  una proposta realizzabile; alcune eresie  medioevali, le jaquerie francesi,  il luddismo,  i dervisci del Sudan, i taiping della Cina

Ora io non escludo che Grillo  da attore  possa diventare un  politico: anche  Reagan era un attore, Teodora di Bisanzo una prostituta ma il primo chiamò gli economisti di scuola neoliberista (diciamo cosi) e la seconda i grandi giuristi per redigere il corpus iuris:  mica pensavano di fare da soli queste cose 

Ma  Grillo   va a fare affermazioni a ruota libera: ora vuole uscire dall’euro, un’altra volta abolire i sindacati , un’altra ancora abolire i partiti e reintrodurre il vincolo di mandato : significa che non ha consultato nessun  esperto,  o almeno  persone con  un po di preparazione Se Grillo  avesse chiamato degli economisti dissidenti della linea attuale della UE ( ce ne  sono) se avesse candidati gente di un certo livello  e non persone dai curricula ridicoli,  potrebbe essere  considerato un politico ( dal  quale magari dissentire) e non un clown pericoloso ( come lo ha definito  der spiegel)
Viene considerato invece un populista che è cosa diversa, direi opposta al politico : si intende in questo caso populista  chi promette quello che  la gente desidera  senza tener conto della compatibilità e della fattibilità. In realtà, infatti, i punti proposti da Grillo , presi isolatamente, sono tutti condivisibili  ma nell’insieme  inattuabili sia economicamente (come tutti gli economisti concordano) sia anche politicamente

 

A  destra come a sinistra promettono strade piu facili senza che molti, troppi capiscano che sono strade impercorribili. l’opinione pubblica non ha chiara  idea di come funziona una economia moderna.

Io non  dico che non vi siano strade alternative all’attuale politica di austerity.  ma semplicemente che i populismi non li propongono limitandosi  semplicemente a promettere strade facili: restituiamo l’IMU, che ce ne importa dello spread, cacciamo i disonesti e i profittatori,  e tutto andra a posto

 NON E’ COSI PURTROPPO : l e strade sono lunghe difficili e soprattutto drammatiche per tanti.   

Tuttavia i populismi sono un pericolo reale per i paesi in crisi,  esercitano un fascino irresistibile perche  offrono una speranza alla gente disperata o solo  spaventata  Un po come le cure alternative rispetto alla medicina ufficiale. I populismi possono distruggere la democrazia  e aprire quindi la strada a soluzioni autoritarie

   Psicologicamente noi crediamo maggiormente alle idee che appaiono  ampiamente condivise.   La folla assicura che  quello che viene  detto è condivisibile e di fatto condiviso da tanta gente malgrado le critiche che piovono loro addosso da tutti quelli che si definiscono esperti

 

 

 

 

 

Comic Ascends Political Stage

 

From Wall Street Journal,  February 11, 2013

,

VERONA, Italy—Beppe Grillo, a longtime Italian comedian, founded his political party as an anti-establishment movement four years ago. Today, his Five-Star Movement could well become one of the most powerful forces in Italian politics.

"This world—the Western world—has failed. We must have a plan B. We're the plan B," said the 64-year-old Mr. Grillo in an interview on Sunday in this northern Italian city, one of the stops of his countrywide campaign tour ahead of national elections on Feb. 24 and 25. "We've developed like a virus."

With less than two weeks before Italians head to the polls, Mr. Grillo's party is polling as high as 18% of the national vote, placing it third after the center-left Democratic Party and the conservative People of Freedom Party led by former Prime Minister Silvio Berlusconi. It is polling ahead of departing Prime Minister Mario Monti's Civic Choice party.

Those numbers, if they hold, would be enough to secure at least 80 seats in Parliament—a presence that would make the Five-Star Movement's freshman lawmakers the legislature's deciding votes.

The comedian turned politician has been gaining popularity and is performing strongly in the polls. WSJ's Alessandra Galloni explains why he may be a force in Italian politics after the election results are announced.

Mr. Grillo's rise, supporters and critics say, is a measure of the disaffection among Italian voters who can no longer stomach the country's traditional political parties and long-serving politicians. Many voters blame these national elites for having mismanaged the economy for decades, driving the country's debt level so high—it is currently 126% of economic output— that Italy got sucked into Europe's sovereign-debt crisis last year.

Mr. Grillo, who got his start as a comedian in Milan's cabaret halls and improvisation clubs in the 1980s, doesn't profess any right- or left-wing political allegiances. His agenda includes promises to hold a public referendum on whether Italy should stay in the euro and to ban politicians with criminal records from Parliament.

Mr. Grillo won't be on the ballot himself. He was convicted of vehicular manslaughter in the 1980s, and he is respecting his party's ban on nominating people with criminal records. Instead, he plans to keep a close eye on the party from outside the halls of power. "My role is that of the watchdog," he said.

His agenda, and the colorful language he uses to expand upon it in his packed town halls and outdoor rallies, has made him one of Italy's most polarizing public figures. Supporters consider Mr. Grillo a jovial muckraker, discomforting the privileged and lampooning the powerful.

 

To his critics, he is a modern-day Girolamo Savonarola, a fiery 15th-century preacher whose jeremiads inspired the Bonfire of the Vanities, in which supporters burned art objects they considered sinful.

"Grillo was taking votes from the left, now he's growing on the right. He's like a bus. Anyone who has a gripe about government gets on," said Ilvo Diamanti, a professor of politics at the University of Urbino.

Mr. Berlusconi recently labeled the party the "extremely extreme left," while conceding that "Grillo's group is a legitimate protest party, because politicians have given themselves the worst image."

Mr. Grillo recently seized on a scandal enveloping the Tuscan bank Monte dei Paschi di Siena SpA, BMPS.MI -2.45% which has incurred hundreds of millions of euros in losses on structured-finance products since the late 2000s. He purchased a handful of the bank's shares so he could attend the bank's latest shareholders' meeting and berate management.

 

Mr. Grillo was propelled into the national media in the 1980s after being discovered by a television host.

"As a shareholder, as a citizen, as a person, I'd like to clarify why the money is missing. Who took it? Let's put them in the dock and try them in a court of public opinion," Mr. Grillo said.

That scold earned his party a bump in the polls, while draining support for the Democratic Party, which has long had ties to the bank.

Mr. Grillo was propelled into the national media in the 1980s after being discovered by a television host. His penchant for irreverence, however, quickly got him into trouble with the political parties that controlled Italy's state-owned television at the time.

One joke he told about Italy's ruling Socialist Party in 1986, Mr. Grillo recalled in the interview, brought down the curtain on his TV career. He said the experience made him skeptical of Italian television, drawing him toward new outlets, such as the Internet and the piazza.

Mr. Grillo teamed with a media consultant in 2005 and launched a blog. It quickly grew to become one of Italy's most heavily trafficked websites, drawing visitors in with exposés of corporate malfeasance and government corruption. The blog also made it easy for him to spread the word about meetings and rallies his supporters began holding at cities across the country.

Among his earliest supporters was Roberta Lombardi, a furniture vendor who is running for a seat in the Chamber of Deputies, which is the lower house of Parliament. Ms. Lombardi was one of the winners of primaries the party held entirely via the Internet last year—an experiment in "direct democracy" she hopes will carry over to Parliament.

If elected, she and other members of her caucus plan to consult regularly with tens of thousands of movement members on the Internet.

"We're going to work in full transparency. We won't forget where we came from," Ms. Lombardi said.

So far, Mr. Grillo has defined his political agenda in broad strokes. He wants to break up Italy's state-controlled companies like oil giant Eni SpA ENI.MI -1.05% and Telecom Italia SpA, TIT.MI -3.57% which he defines as "monopolies." Mr. Grillo also aims to slash public spending, cut taxes on worker wages and raise them on companies that "waste fuel and energy."

People looking for jobs, he said, should be eligible to receive a €1,000 ($1,336) monthly "subsidy" for as long as three years. Anyone who refuses three or more job offers, he said, would lose the subsidy. The next government should also "revive protectionism," Mr. Grillo said, in order to shield Italian companies that hire locally from foreign competitors.

On Saturday, thousands of people gathered around an ancient arena in Verona to hear Mr. Grillo rail at the political establishment. "Our message is clear: This form of parasite politics must end. It's time to send them home," he said to heavy cheers.

Write to Giada Zampano at giada.zampano@dowjones.com and Stacy Meichtry at stacy.meichtry@wsj.com

A version of this article appeared February 11, 2013, on page A14 in the U.S. edition of The Wall Street Journal, with the headline: Comic Ascends Political Stage.

 

2559