Pubblicato   da    www.americacallsitaly.org    gennaio 2015        HOME

 

Charlie Hebdo

 

 

 

           Charlie Hebdo Stands in Long Tradition

of Provocative Humor

 

from The new York Times ,

 

LONDON — Charlie Hebdo, the satirical weekly that lost 12 staff in a terrorist gun attack last week, is one of a diverse group of publications and comics around the world determined to push the boundaries of taste and acceptable expression. Lauded by fans for saying the unsayable, some have also been criticized for perceived bigotry and faced prosecution.

A look at some notable provocateurs:

___

FRANCE'S CONTROVERSIAL COMIC

Millions have marched in France under the slogan "Je suis Charlie" to condemn the terrorist attacks and defend free speech. But the limits of that speech are regularly tested by controversial comedian Dieudonne M'bala M'bala, who has been convicted several times of inciting racial hatred and anti-Semitism.

Days after more than 1 million people, including France's president and other world leaders marched through Paris in solidarity with the murdered journalists and defense of free expression, the comic — who has a strong following among the young and disaffected — was arrested for allegedly defending terrorism. The arrest came after a post appeared on Dieudonne's Facebook page saying "I feel like Charlie Coulibaly," merging the names of Charlie Hebdo and Amedy Coulibaly, the attacker who killed four hostages at a kosher supermarket.

The arrest is sure to anger the comic's supporters, though others argue that free speech should not extend to promoting terrorism or making light of the Holocaust, the reason for some of Dieudonne's convictions. The comic's shows were banned by the government last year amid controversy over the quenelle, a gesture he popularized that many say mimics a Nazi salute. He insists the gesture sends an anti-establishment message, not an anti-Semitic one.

___

MIDEAST MOCKERY

Depicting the Prophet Muhammad, as Charlie Hebdo did, would be unthinkable in the Muslim countries of the Middle East, but the region has a centuries-old tradition of satirical poetry and provocative writing. The Arab Spring of 2011 unleashed new comic voices — though some rulers have failed to be amused.

Satirist Bassem Youssef — often called Egypt's Jon Stewart — was the flag-bearer of a new kind of political satire in the country, spoofing the military, the Islamist Muslim Brotherhood and the country's growing nationalist fervor. But he took himself off the air in June after coming under intense official pressure. Since the military's 2013 ouster of Islamist President Mohammed Morsi, Egypt has seen a surge in nationalism that tolerates little criticism of the army or the new president, Abdel-Fattah el-Sissi.

Elsewhere, the onslaught by the extremist Islamic State group has sharpened satirists' barbs, with TV skits from Iraq, Lebanon and Syria mocking the fundamentalist militants as bumblers and hypocrites. In one skit, a jihadi berates a taxi driver for listening to the radio and using air conditioning, because these things did not exist in the earliest days of Islam; he is kicked out of the car and told to wait for a camel.

Newspaper editorial cartoons remain a powerful strand of satire across the region, joined by upstart comics and magazines, including Egyptian youth alt-zine named TokTok, full of dark and sometimes surreal humor, and the feminist comic magazine Shakmagia, or Jewelry Box, which has tackled Egypt's endemic sexual harassment and violence.

"They are teasing out all these difficult issues and often through a backhand way," Jonathan Guyer, a Cairo-based scholar researching Egyptian comics, told The Associated Press in November.

___

POST-SOVIET SATIRE

The collapse of the Soviet Union unleashed a torrent of lampooning energy, which has not always been welcomed by post-Soviet governments.

Since the early days of democracy in 1990, Polish weekly NIE (No) has mocked religion in predominantly Roman Catholic Poland — and has often been sued for "insulting religious feelings." The paper, which faces yet another court date next week, marked Epiphany with a cartoon of the Three Wise Men carrying a rubber sex-doll, a dildo and a pile of pornographic magazines.

Sometimes new freedom produced humor that reflected old prejudices. Weekly paper Romania Mare (Greater Romania) is another survivor of the immediate post-Communist years, though its readership is now a fraction of the million who once devoured its mockery of politicians and public figures. It tackles topics that others will not — criticizing corruption and CIA secret prisons on Romanian soil. It also has xenophobic bent — and tries to "out" public figures it thinks are Jewish, Hungarian or Gypsies. Unsurprisingly, it has frequently been accused of anti-Semitism.

Russian satire has grown tamer under the increasingly authoritarian rule of President Vladimir Putin. One publication much missed by fans is The Exile, a biweekly tabloid that insulted and criticized the Kremlin, Russian society, the United States and a wide range of other targets, frequently in hyperbolic and profane language. A mix of humor and investigative journalism, it openly called Putin's Russia fascist, and reported extensively on drug abuse and prostitution. Written by a team of Russians and expats, the English-language publication closed in 2008 after an audit that discovered some irregularities spooked its investors.

___

RUDE BRITANNIA

The English-speaking world has few equivalents to Charlie Hebdo's provocative, strongly anti-clerical humor, though "South Park" creators Trey Parker and Matt Stone perhaps come close for their juvenile relish and willingness to tackle often-avoided topics, from religion to the sexual orientation of Hollywood stars.

Britain is proud of its long tradition of mocking its politicians and royalty, which stretches from the 18th-century caricatures of William Hogarth to weekly magazine Private Eye and satirical puppet series "Spitting Image."

But even in an irreverent country where public figures have learned to take their lumps from comedians, filmmaker Chris Morris stands out for taking on topics others fear to touch — and for provoking unusually strong reactions.

A TV channel was forced to apologize in 2001 for airing his mock-news program "Brass Eye after it satirized sensationalist media treatment child sex abuse in a way some viewers felt trivialized the crime. His recent show "Black Mirror" featured a story line about a British prime minister having sex with a pig on live TV.

Morris tackled terrorism in his 2010 film "Four Lions," which centered on four fictional home-grown jihadis with many similarities to the suicide bombers who killed 52 commuters on London's transit in 2005. The hapless terrorists' attempts to cause carnage were both bumbling and lethal, and the film mixed satire, farce and tragedy. The film initially struggled to get funding, and some commentators said it was too raw a subject for humor, but it was widely praised by critics on its release.

___

Associated Press writers Jon Gambrell in Cairo, Jim Heintz in Moscow, Monika Scislowska in Warsaw and Alison Mutler in Bucharest contributed to this report.

 

 

 

LA SATIRA E LA CRITICA 

 

 by Giovanni De sio Cesari 

  INDICE :  riso buono e cattivo --- islam e Occidente --- Critica e umorismo

 

La strage di Charlie Hebdo non ha nessuna attenuante, di nessun genere: va condannata senza “se” e senza “ma”,  perseguiti implacabilmente, visto che gli assassini sono già stati uccisi,   complici e mandanti ideologici Non possiamo permettere che un gruppo di fanatici  venga a imporre la propria legge nelle nostre nazioni, che intimoriscano o terrorizzano i nostri concittadini: è un principio irrinunciabile

 Su questo siamo d’accordo tutti,  (almeno) noi occidentali ,nessuno da nessuna parte del nostro Occidente metto in  dubbio affermazioni di questo genere

Tuttavia vogliamo qui  discutere, come si fa da varie parti, sul rapporto fra liberta e offesa a prescindere dalla strage e dalle intimazioni: insomma  come se il caso Charlie Hebdo non fosse mai avvenuto

  

  Riso buono e cattivo

Innanzi tutto chiediamoci  cosa  sia l’umorismo

.Il riso è cosa sola umana , esso è la istintiva  manifestazione della gioia del benessere,  della felicità  Nulla è più bello del riso dei bimbi o delle  donne innamorate: per esso faremmo qualsiasi cosa. Poi, per estensione il riso è anche espressione del senso del comico, dell’ umorismo passando dal sorriso alla risata L’umorismo, pure esso solo umano, nasce dalla  difformità fra una rappresentazione  e la realtà che ci aspetteremmo. E’ quindi creatività , capacita di vedere la realtà  da un altro punto di vista

 Una tale difformità può essere però qualcosa di benevolo che porta allegria, un aspetto della felicità, diremmo, .oppure può essere malevolo, offensivo che porta alla umiliazione, al risentimento, a sentimenti di odio. .

 Se davanti  a una bella  ragazza mi copro  gli occhi dicendo che la sua bellezza mi acceca è cosa diversa dal fatto che di fronte  a una  ragazza molto brutta dico che  mi copro per non soffrire di incubi notturni. Cosi come è cosa  orribile ridere di chi ha difetti fisici .

Le Goff  scrisse un interessante saggio  sul riso nel Medio Evo distinguendo  fra il riso benevolo o di gioia  , indicato nella bibbia con il termine  sakhab e quello malvagio derisorio (ebraico laag)   Il primo riso e quello dei buoni  ma il secondo è l’espressione della  malvagità  Anche ora i cattivi nei film popolari ridono  sarcasticamente  quando compiono il male: e questo riso che le regole monastiche vietavano assolutamente 

Umberto Eco incentrò “Il nome della rosa” sul fatto che un monaco, illustre per pieta e sapienza, arriva addirittura a uccidere per nascondere un libro di Aristotele che trattava   del riso tanto questo era considerato cosa indecente, diabolica addirittura  ma si riferiva al riso derisorio a quello cattivo  a quello  che le regole monastiche vietavano assolutamente  non a quello  benevolo che pare, secondo Le Goff, avesse ampio spazio sia fra i nobili cavalieri che nei monasteri.

Il problema che In ebraico e in greco i due risi hanno nomi diversi: ma in latino e poi anche nelle lingue moderne occidentali il termine è unico generando confusione  e si ricorre a varie  precisazioni: ma la differenza è sostanziale .

Non possono essere oggetto di  scherzo  (scherno)  l’umano dolore che è sacro:  la malattia, le minorazioni, la morte , cosi come quello che viene posto in un ordine superiore :  l’amore familiare, l’onore, le pratiche e le credenze religiose

Non   si scherza su quelle cose che le persone  sentono come sacre sia  in senso religioso che in senso laico.

 

 islam e Occidente

 Le vignette di Chalie Hebdo possono esser e considerate senza nessun dubbio   come riso derisorio cattivo

Nell’ islam  il nome di Maometto è sacro. si dice sempre Muhammed perche non va tradotto e ogni volta che lo si pronuncia si aggiunge in arabo"SallAllahu 'alayhi waSallam" (Pace e Benedizioni  di Allah  su di lui che si abbrevia in PBSL in italiano).

Inoltre l’islam considera blasfema ogni  immagine soprattutto quella di Muhammed  (qualche estremista addirittura vieta  pure la TV). Per dare una idea le vignette di Charlie sarebbe come per noi riprodurre la Madonna nuda mentre fa sesso.

D’altra parte anche le nostre leggi condannano  la bestemmia anche se ormai credo caduta in disuso: ma In TV si è sospesi   per questo  Nessuna meraviglia che esista nei paesi mussulmani il reato di blasfemia: il problema è che esso viene usato strumentalmente  per colpire i cristiani  ma questo è un altro problema

Certo  nessun occidentale  ucciderebbe per una vignetta ma bisogna  precisare : nessun occidentale moderno 

La contrapposizione non è fra cristianesimo e islam quanto fra presente e passato  Il Colletta nella Storia del reame di Napoli” racconta che un uomo inveì  in una chiesa contro il SS Sacramento: fu arrestato, condannato e impiccato ( siamo alla fine del 700). Colletta ritiene  che si trattasse solo  di un povero folle e che per questo  la condanna era  ingiustificata

 Si dice comunemente che  occorrerebbe un certo equilibrio, una certa misura   nell’espressione vignettistica,  cosa non facile perchè non si sa bene quali siano i limiti e rimettere tutto a un giudice significherebbe alla fine rimettere tutto alla  sua personale sensibilità, lasciare quindi tutto nell’incertezza, al caso , per cui molti concludono che in realtà non bisogna mettere limiti

Io credo che sia possibile distinguere fra critica e offesa: la differenza non è in quello che si dice ma il  come si dice

Possiamo criticare quanto si vuole i dogmi cristiani ma rappresentare la SS Trinità come una ammucchiata  di omosessuali ( una vignetta di Charlie) mi pare solo una offesa oscena  a milioni di credenti  che non ha nessuna valenza di critica D’altra parte cio che è sacro ( anche in senso laico)  dovrebbe  esser sempre rispettato  non dovrebbe    essere consentito  di rappresentare  una donna politica come una puttana ( e ci siamo indignati se solo si è pubblicato una foto in costume da bagno di una nostra ministra )

Io credo che ognuno può dire che la faccende delle uri ( vergini del paradiso islamico ) sia una grande balla , che la shoa non è  mai avvenuta, che il Papa è un donnaiolo, e assolutamente non accetterei  una lista di valori universali non criticabili  Ma la critica deve essere argomentativa , anche se solo embrionale . A proposito delle uri dagli occhi profondi noterei che dovrebbero esserci anche degli  uomini, vigorosi e  instancabili, per le donne che vanno in paradiso , che  le anime non avrebbero i bisogni materiali, che la felicita deve  consistere nella visione beatifica di Dio  e cose simili: ma se invece affermo semplicemente che  gli islamici sono degli sciocchi  a  credere nella  giustizia di Allah questo è una offesa  Peggio ancora rappresentare lo shaid ( o addirittura il Profeta )  in atteggiamenti osceno

 Cosi io posso sostenere che la shoa non è mai avvenuta ma è offensivo fare battute sui forni crematori, Posso anche argomentare ( al limite, per esempio)  che il papa abbia una amante  ma dirlo senza argomenti   o peggio rappresentarlo   mentre si unisce a una monaca, è offensivo

 

Critica e umorismo

Ora l’umorismo non è mai argomentativo. Tuttavia si distingueva fra quello buono (allegria aspetto della felicità)  e  quello cattivo ( offensivo umiliante) Il primo è accettabile, il secondo non mi pare.

Ma il sarcasmo dei vignettisti può essere considerato critica culturale?

Le  vignette ,l’umorismo in generale è critica ? e quindi deve avere la liberta della critica?

 A me non pare nemmeno. E sempre facile mettere in ridicolo  ogni cosa. anzi piu una cosa è alta, elevata nobile “sacra” più è facile  metterla in ridicolo  perchè  il ridicolo nasce proprio  dalla  difformità di una  rappresentazione  da come noi ce la aspettiamo. In fondo   l’umorista fa solo affermazioni apodittiche non argomentate ne argomentabili

Io non credo che gli umoristi, gli artisti  in generale, debbano  essere considerati come   dei critici. La critica sociale, etica, politica sociale religiosa viene fatta in tutto altro modo Gli umoristi fanno un po ridere, va bene, colgono pure qualche spunto, va bene; ma  poi facciamo parlare e ascoltiamo  quelli che veramente fanno critica, che portano argomenti e fatti logicamente ordinati . 

 

Noterei pure che  nel mondo anglo sassone una satira grossolana come quella di Charlie non sarebbe  possibile.  In realta non ci sono leggi che proibiscano la satira ma è la opinione pubblica , la sensibilità diffusa  che  rigetta un certo tipo di satira offensiva e indecente. Notiamo pure che  non esistono nemmeno leggi che vietino la negazione dell’Olocausto come avviene in molti stati  europei. E non possiamo dire certo che nei paesi anglosassoni non esista la liberta .

  Perche lo stesso non dovrebbe essere possibile anche in Europa?

 E vero, in Francia c’è la tradizione illuministica che fece ampio uso della satira,  che elevò a arte superiore l’esprit  come si diceva allora.

 Ma quello era pure un mondo in cui esisteva ancora la censura , non c’era libertà  di espressione e quindi si poteva pure capire che la opposizione la diversità  prendesse certe forme  che comunque non arrivavano nemmeno lontanamente alle irriverenti oscenità  di un Charlie Hebdo: ma ora tutti possono dire  tutto di tutto  liberamente anche senza offendere, umiliare  e offendere  nessuno

 I tempi sono cambaiti dal ‘700 illuministico.  

 

 

 

1587