Rubriche

Problemi e società

Lacrime e sangue

Giovanni De Sio

Lunedi, 12 dicembre 2011
Si è molto parlato, a proposito della manovra Monti, di lacrime e sangue anche se Monti parlava solo di sacrifici e altri di “pesanti “ sacrifici stangate e simili termini.
Ora non vogliamo valutare la giustezza o la opportunità di questo o quel provvedimento della manovra, se essa avrebbe potuto essere diversa o più equa o quanto altro: non è questo la sede.
Vogliamo pero segnalare che, come ben sa chiunque abbia familiarità con il volontariato, che si occupi di mense, i assistenza agli anziani e di altre attività caritative, che le situazioni in cui sarebbe appropriato parlare di lacrime e sangue non mancano nel nostro paese ma non sono quelle che vengono evocate a proposito della manovra
A noi pare che di lacrime e sangue si possa parlare a proposito di quelli che, avendo una famiglia da mantenere, perdono il lavoro : lacrime vere Qualcuno veramente si suicida, si arriva al sangue E ancora di quei giovani che non trovano un lavoro che non sia in nero, che passano da un precariato all’altro sempre più avviliti e con sempre meno speranze, mentre il tempo passa inesorabile Si parla di giovani ma in realtà sono persone, oltre la trentina, a volte vicino ai 40 che non riescono a formarsi una famiglia per mancanza di un reddito affidabile e le donne sono le più disperate perche per esse il tempo passa ancora più inesorabile.
Al loro confronto ci pare eccessivo parlare di lacrime e sangue e anche di “pesanti” sacrifici per i provvedimenti della manovra. Si chiede di lavorare qualche anno in più : ma è cosi in tutto il mondo ed è stato sempre cosi anche nel nostro passato non troppo lontano. Si paga una tassa sulla casa : ma la si è sempre pagata fino a che fu improvvidamente fu abolita per raccattare voti. Epoi facciamo un pò di conti : per le abitazioni più modeste non si paga nulla, per quelle medie € 200 o 300 euro all’anno. La misura più grave è quella del non adeguamento delle pensioni al costo della vita, fatto che ha creato le maggiori opposizione e addirittura fatto piangere in diretta il ministro Fornero:ma in realtà si tratta di un mancato aumento di poche decine di euro al mese che, probabilmente, la maggior parte dei pensionati non avrebbero nemmeno notato. In fondo le pensioni un tempo non erano aggiornate al costo della vita anche per la considerazione che le persone anziane non hanno più le spese per la produzione del reddito ( trasporti e altro) e soprattutto che non hanno ( o non dovrebbero avere ) più una famiglia da mantenere
Noi non vogliamo in nessun modo giustificare o giudicare positivamente o negativamente la manovra: ci sembra pero che l’ opinione pubblica, spinta dalla propaganda politica, perda il senso della misura delle cose Quando chiude una fabbrica come a Termini Imerese, nella valle dell’Ufita, e dovunque la gente è veramente disperata, piangono vere lacrime amare: ma alcune decine di euro al mese o una modesta tassa sulla casa è un cosa ben diversa: se potessero essere un modo per limitare le vere tragedie andrebbero accettate

Per critiche e commenti: forum@giovannidesio.it
Per approfondimenti: www.giovannidesio.it (§)

887